“I social son desideri…”
La GDPR entra in vigore oggi

Vi ricordate dieci anni fa, quando passeggiando per le strade ci colpiva un manifesto che
pubblicizzava proprio quel prodotto che stavamo cercando? La chiamavamo coincidenza e ci
strappava un sorriso, un “guarda che fortuna!”
In verità, eravamo soggetti al nostro pensiero desiderativo, ossia al fatto che vediamo solo ciò che
vogliamo. In quel periodo, uno degli scopi del pubblicitario era proprio intercettare il pensiero per
scoprirne dietro il desiderio del consumatore.
Oggi, tra gli algoritmi di Facebook e Google, quel sorriso, quell’esclamazione non ci scappa più. I
grandi server sanno che cosa desideriamo, perché, nel bene e nel male, siamo finiti a scrivere tutto
ciò che pensiamo.
Ultimamente ci siamo resi conto che se prima eravamo noi a essere in possesso dei nostri pensieri
e desideri, ora quei pensieri e desideri sono nell’etere, qualcuno li legge, li possiede, ci fa soldi
sopra.
È per questo che l’Unione Europea ha adottato la GDPR, ovvero la General Data Protection
Regulation, che permetterà ai cittadini di decidere il grado di controllo che le aziende hanno sulle
informazioni online. Siamo stati i primi al mondo, e gli Stati Uniti, o meglio, i cittadini statunitensi,
ci guardano con invidia.
Il 68% degli intervistati da Janrain (società di gestione identità digitali e social) dichiara di voler
vedere applicate simili leggi anche sul territorio americano, e il 51% di essi si dichiara molto
preoccupato di come le aziende possano ottenere – e detenere – informazioni su di loro. Ma è
altresì vero che il 35% è d’accordo ad essere profilato – sempre secondo logiche di privacy – al fine
di ottenere annunci sempre più mirati alle loro esigenze.
Insomma, per una volta anche gli americani ci inseguono!
La GDPR entra in vigore proprio oggi, 25 Maggio 2018. In attesa che le grandi società si allineino al
regolamento, non possiamo far altro che guardarci indietro con nostalgia e domandarci: chissà se
un giorno qualcuno inventerà una nuova forma di comunicazione capace strapparci di nuovo un
“che fortuna!”

explore more news